domenica 27 maggio 2012

Golosi anche senza glutine: Crumble di ciliegie


Oggi è la giornata dedicata alla celiachia, per questo io e un folto gruppo di blogger abbiamo deciso di contribuire dandovi un piccolo vademecum su come comportarsi con un celiaco a cena... Premesso che la celiachia è una malattia e non un capriccio, l’unica cura possibile, ad oggi, è l’astensione dai cibi glutinosi! Dico ciò perché si capisca bene che chi è celiaco è COSTRETTO a mangiare senza glutine e non gli fa piacere, perché è molto dannoso per il suo organismo. Quindi ci sono cibi IN (permessi) e cibi OUT (vietati). La cosa più semplice da fare è preparare un menù che possa andare bene per tutti, così non vi stresserete a preparare più pietanze, con risultati, il più delle volte deludenti. Per preparare cibi che possano mangiare tutti, quindi anche i celiaci, bisogna sapere quali sono i cibi consentiti e quelli vietati. Qui troverete un elenco molto utile  (http://saporiesaporifantasie.blogspot.it/p/celiachia-for-dummies.html)
Anche se l'elenco può sembrare lungo c'è un modo abbastanza semplice per capire se un cibo è senza glutine. Basta leggere attentamente le etichette! Adesso poi la normativa prevede che sia scritto a chiare lettere e, nei prodotti esteri, è sempre specificato se può contenere tracce di glutine. Infine, se un prodotto porta la spiga sbarrata sulla sua confezione è certificato dall’AIC ed è garantito per i celiaci.
REGOLE PER EVITARE CONTAMINAZIONI in casa
1. Lavare mani, superfici, utensili sporchi di farina, possibilmente in lavastoviglie e accuratamente;
2. Usare la carta forno per le teglie e tutti quegli utensili (come piastre) dove hanno cotto cibi col glutine;
3. Se volete cucinare la pasta per un celiaco, l’acqua deve essere pulita, il cucchiaio con il quale mescolate la pasta senza glutine a parte, il sale nuovo o comunque non quello contaminato dal cucchiaio “sporco” di acqua della pasta col glutine;
4. Evitare di infarinare i cibi, anche quelli degli altri, così eviterete grande fonti di stress; se proprio dovete non mettete nella stessa padella o teglia le due preparazioni;
5. se usate una griglia e avete della carne impanata, grigliate prima quella del celiaco (senza panatura) e poi tutto il resto;
6. non addensare salse, ecc. con farina. Usate la fecola per tutti e sarà più semplice!
7. non appoggiate il cibo su cibi col glutine o dove sia stato cibo col glutine. Ad esempio il pane del celiaco non mettetelo insieme a quello col glutine o nello stesso contenitore anche senza che l’altro sia presente;
8. anche per l’olio di frittura valgono le stesse regole, prima friggete il cibo senza glutine e poi tutto il resto; in ogni caso non utilizzate quello già usato in precedenza contaminato!
9. Se avete dei dubbi sulla composizione dei cibi… non usateli!


Stefania Oliveri

Crumble di ciliegie gluten free
 
Queste le parole della mia amica food-blogger, Stefania Oliveri, per questa importante iniziativa: la celiachia è una malattia, non una moda o una dieta per dimagrire. Ricordiamocelo sempre!
La ricetta alla quale ho pensato per questa occasione, trae ispirazione da un post di Paoletta di qualche anno fa e dalle ciliegie che mio suocero ha raccolto domenica mattina prima che partissimo per Roma. E' tanto tempo che voglio provare a fare un crumble e la ricetta di Anna mi è sembrata perfetta: ho sostituito alla farina di grano tenero la fecola di patate per poter essere "golosa anche senza glutine".


Ingredienti per 3 cocotte da circa 12cm di diametro:
  • 300g di ciliegie (da pulire)
  • 65g di burro
  • 65g di zucchero
  • 100g di fecola di patate
  • cannella
Tempo di preparazione
2h circa

Preparazione
Prepariamo il crumble. Tagliamo a cubetti il burro e facciamolo ghiacciare in freezer per circa 1 ora. Laviamo le ciliegie, eliminiamo il nocciolo e distribuiamole nelle 3 cocotte. Frulliamo il burro nel mixer con la fecola e con lo zucchero e distribuiamo il composto ottenuto (devono sembrare tante briciole) sulle ciliegie. Spolveriamo con un po' di cannella e facciamo cuocere in forno statico per circa 20 minuti, ventilato per altri 10 e con grill per gli ultimi 5. Facciamo raffreddare e prima di servire "scomponiamo" il crumble.

E Buon Appetito!

Ecco le ricette delle altre blogger:

Profumi & Sapori - Parfait alle mandorle 
Francesca Antonioli - Farinata 
Simonetta Nepi: Torta alle pere 
Carlotta Negro: Biscotti con lemon curd 
Se cucino....sorrido: Capresi all'olio EVO 
SexAndTheKitchen: Menù gluten free
In Gloria's kitchen: Cupcakes alla ciliegia 
La Ginestra e il Mare: Victoria sponge con crema di fragole
Felix Un cuore di farina senza glutine: Minestra di riso Asparagi 
Elisa Baker: Pomodori verdi fritti 
Rosaria Orrù: Arachidi interrate 
La Gaia Celiaca: Soffio di Amaretto  

10 commenti:

  1. Con l'esplosione delle ciliege sui banchi del mercato, credo che questa coccola me la preparerò spesso... del resto non è ancora troppo caldo da non poter accendere il forno... ;-)
    Bello il tuo blog, mi sa che ci capiterò spesso e.. da ora sono anch'io una tua follower! :-)
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Nora e benvenuta!

      Provalo... è veramente buono!

      A presto

      Elimina
  2. Questa e' proprio una bella idea, il crumble gluten free mi mancava!

    RispondiElimina
  3. Sembrerà strano ma non ho mai mangiato un crumble eppure mi ispira moltissimo, dovrò rimediare, magari proprio con la tua ricetta che sembra buonissima :) baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nenach'io fino a poco fa ;) e ne sono rimasta piacevolmente colpita... da provare anche con altra frutta!
      a presto

      Elimina
  4. complimenti per il tuo blog! da oggi ti seguo, se ti va, passa a trovarmi anche tu

    RispondiElimina
  5. Mi piace l'idea di usar la fecola! Proverò!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...