venerdì 18 maggio 2012

Budini salati di fave con biscottini al "vuccularo" e fonduta al pecorino romano

"Buon pecorino!"
Queste le parole della parcheggiatrice della spiaggia di Ostia che il primo maggio, a ora di pranzo e sotto una pioggia fastidiosa (vi voglio vedere a voi in spiaggia in costume con la pioggia :(), ci augurava di trascorrere quella giornata seguendo una delle tradizioni culinarie più radicate nel territorio laziale.
Lì per lì sono rimasta un po' stranita, poi la dolce metà esordisce dicendo "Quasi quasi ci fermiamo a comprare due fave, tanto il pecorino a casa c'è".... e lì l'illuminazione :D.
E voi qui direte, "ma che foodblogger sei se non sai che il primo maggio a Roma si mangiano le fave con il pecorino?!"... e in effetti avreste anche un po' ragione ;)
In Calabria, invece, le fave vengono mangiate crude o cucinate con un'altra specialità della mia terra: 'u vuccularo....
Ehmm... dicesi "vuccularo"... rullo di tamburi....  il guanciale (U' vuccularo però ha molto meno parte magra del guanciale che solitamente si trova al supermercato).
Poi gira che ti rigira scopro che le fave, anche a Roma, le cucinano con il guanciale..
Non c'è niente da fare, come terra adottiva è perfetta!
Da qui la mia idea: un omaggio alla terra che mi ospita e alle sue tradizioni e alla mia di terra.. aspra, lontana ma accogliente! La forma, quella del budino, è stata scelta (ma che ve lo dico a fa'... ormai lo sapete ;)) per l'Mtc di questo mese mentre gli ingredienti per i motivi che già vi ho detto e che mi riportano al contest delle broccolette (con la rivisitazione/fusione di due piatti della tradizione romana, Fave e pecorino e Fave e Guanciale).


Ingredienti per 4 budini:
Per i budini le dosi sono sempre quelle di Francesca di Acquolina, perfette!
  • 250g di fave fresche al netto dello scarto(senza la buccia ma con il guscio e il "picciolo")
  • 50g di panna fresca
  • 1 uovo
  • 50g di vuccularo (guanciale)
  • 200gr di acqua calda
  • sale
Per i biscottini al vuccularo
  • 50g di vuccularo (guanciale) Attenzione!! Sono gli stessi di prima!!
  • 35g di burro
  • 100g di farina 00
  • 1 uovo
Per la fonduta al pecorino romano
  • 25g di pecorino romano media stagionatura grattugiato
  • 50g panna fresca
Tempo di preparazione
2h circa + il tempo di raffreddamento dei budini

Preparazione
Prepariamo le fave. Tagliamo il guanciale a dadini non troppo piccoli e facciamolo rosolare in una padella antiaderente. Mettiamone da parte metà e aggiungiamo le fave; facciamole insaporire per un paio di minuti e aggiungiamo l'acquacalda. Facciamo cuocere per circa 20 minuti a fuoco medio fino a quando l'acqua non si sarà completamente assorbita. Saliamo se necessario (a me non ce n'è stato bisogno perchè il guanciale era molto saporito e ha rilasciato il sale nelle fave durante la cottura).

Prepariamo i biscottini. Aggiungiamo al guanciale rosolato e messo da parte quello che ha cotto insieme alle face e frulliamolo. Impastiamo con la farina il burro tagliato a tocchetti e l'uovo. Ricaviamo dall'impasto ottenuto un salsicciotto di circa 4 cm di diametro, avvolgiamolo con la pellicola e facciamolo raffreddare in frigo per circa 1 ora. Quando l'impasto si sarà ben indurito, sistemiamo il rotolino sulla spianatoia e tagliamolo con un coltello non seghettato. Facciamo cuocere i biscottini ottenuti su cartaforno in forno caldo a 180° per 20 minuti (rigirateli dopo 10 minuti).

Prepariamo i budini. Frulliamo le fave e aggiungiamo, mescolando accuratamente, la panna e l'uovo. Dividiamo il composto ottenuto in 4 piramidi (io ho usato questo stampo qui a piramide della Pavoni), sistemiamo gli stampini in una teglia riempita con due dita di acqua tiepida e facciamo cuocere a bagnomaria in forno caldo (io ventilato-sopra e sotto) a 180° per 30 minuti. Facciamo raffreddare nell'acqua "di cottura" fino a che quest'ultima non arriva a temperatura ambiente (a me circa 1h e 1/2). Sformiamo delicatamente i budini.

Prepariamo la fonduta. Facciamo riscaldare la panna in un pentolino antiaderente e quando è tiepida aggiungiamo il pecorino grattugiato. Mescoliamo con una frusta a maglie piccole tipo questa) per circa 5 minuti a fuoco dolce. Quando il formaggio si sarà sciolto e la fonduta avrà raggiunto la densità desiderata (non fatela troppo densa altrimenti raffreddandosi si rassoderà ancora di più ;)), possiamo spegnere.

Impiattiamo. Sistemiamo i budini al centro del piatto, decoriamo con qualche biscottino al "vuccularo" e irroriamo con un paio di cucchiaini di fonduta al pecorino.

E Buon Appettito!

Attention, pleaseeeee
  • Ho inserito due volte la quantità di guanciale perchè se qualcuno volesse fare solo i biscottini sa quanto ce ne va in tutto :)
  • I budini in cottura si gonfiano, raddoppiano quasi, ma poi appena tolti dal forno, raffreddandosi tornano alla loro dimensione originale.

Con questa ricetta, come si sarà già capito, partecipo all'Mtc di questo mese (e siamo a due! ;))


ma anche al contest delle broccolette, SPQB (a anche qui siamo a due!), che mette in palio un bellissimo libro, Roma Fuori pista, che mostra 24 itinerari poco noti della capitale:


25 commenti:

  1. Questi budini con le fave sono una delizia, i biscottini al vuccularo regaleranno un tocco di croccantezza e sapore che ci starà una meraviglia!

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu ne sai qualcosa visto che li hai pubblicati per prima ;)

      grazie mille di essere passata.

      A presto

      Elimina
  2. forse in questa maniera proverò a mangiare le fave!!!
    Un abbraccio e ben ritrovata, Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro!
      Noi abbiamo sempre in sospeso un invito...
      fatemi compra' 'sto tavolo ;)

      Elimina
  3. praticamente fanno come il soufflè che poi si sgonfiano? cmq li provo..anche se dovrò rivedere le dosi per usare la panna vegetale (che pizzaaaaaaa).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, di regola in soufflè non dovrebbe sgonfiarsi ;)

      non so proprio in che proporzioni potresti sostituirla... sigh... mi dispiace!
      Un baciotto

      Elimina
  4. grazie ele sei un tesoro per avermi mandato questo splendido ..antipastino che corro subito a d aggiungere agli altri smack

    RispondiElimina
  5. e che raffinatezza l'ho appena letta questa è una ricettina da chef.. di prima categoria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo buona Simona!
      Un abbraccio

      Elimina
  6. che spettacolo questa rivisitazione di fave e pecorino romano-calabro ^_^
    grazie mille anche per questa ricettina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma pregooooo... io mi sto divertendo un sacco a cucinare rom.. ehm calabro-romano ;)

      a presto

      Elimina
  7. conosciamo bene il vuccularo e che delizia!
    bella ricetta e in bocca al lupo x il contest!

    RispondiElimina
  8. anche da noi si mangiano le fave col pecorino, ma col salame. e non il I maggio, ma già verso aprile. Di solito, sono l'annuncio della primavera e rappresentano uno dei miei momenti preferiti del calendario gastronomico dell'anno.
    Il guanciale, da noi, è una brutta copia del vostro, sia romano che calabrese: ma non fatico ad immaginare questo abbinamento e mi inchino :-) alla genialità di questi accostamenti di territorio, reinterpretati in chiave originale, moderna e divertente.
    Mi sintonizzo qui sopra, per non perdermi la terza proposta :-)
    Complimenti, davvero
    ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, sta a ritorna' l'ansia da prestazione!!
      :D

      Elimina
  9. Che bello!!! Veramente un'idea sfiziosa!! Eh si qui a Roma le fave con il pecorino sono un'istituzione! Pensa che una volta il 1 maggio in una gelateria di Viale Libia ho mangiato un cono gelato alle fave con sopra una spolverata di pecorino invece della panna!!!! Ti assicuro che era delizioso! La tua ricetta è veramente bella! complimenti! mi aggiungo ai tuoi lettori! Ciao Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma daiiii!!! mi sa che mi studierò tutte le gelaterie di Viale Libia e il prossimo 1 Maggio quel cono sarà mio!!

      Grazie mille e benvenuta!
      A presto
      Eli

      Elimina
  10. e io lo sapevo che avrei visto cose strepitose, quella fonduta abbinata a tutto il resto è di un'invitante da paura!

    RispondiElimina
  11. supergustosi i tuoi abbinamenti, davvero compliemnti, mi piace moltissimo! grazie!
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Francesca!
      Sono contenta che ti piacciano...
      Baci

      Elimina
  12. Sto guardando tutti i budini del MTC, il tuo è uno dei più belli!!!
    Non so se ti ho già invitato al mio contest...se non l'ho fatto, eccolo ;-)

    http://leleccorniedidanita.blogspot.it/2012/05/geografia-in-tavola-ricette-ditalia-il.html
    Mi piacerebbe che tu patecipassi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Dani... e parteciperò!
      Il tempo di cucinare qualche bel piatto tipico calabrese....
      a presto

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

SLIDE1