venerdì 9 settembre 2011

La Calabria in Open Kitchen Magazine: Fusilli al ferretto al profumo d'estate... prima che se ne vada del tutto :)

Domenica mattina. Ore 9:00. In piedi, si deve cucinare!!
Per una bambina di 10 anni forse non è il massimo, ma per me non era così.
La cucina era il regno di mia madre, tranne quando lui, l’uomo di casa, quello che di solito preferiva passare tutta la domenica in giardino, nel suo orto, tra le sue piante, non decideva che quel giorno avrebbe cucinato. 
Pochi i piatti nel suo "repertorio", imparati dalla madre contadina, ma un orgoglio nell’eseguirli e riproporli senza eguali; la polenta con la verza, il cavolo ripieno, u’ mangone, i cannaricoli e i fusilli sembravano ai miei occhi ricette che poteva e doveva cucinare solo lui. 
Con gli anni la prospettiva è cambiata, ma lo sguardo della bambina innamorata del suo papà “un po’ cuoco” è rimasto e in quegli occhi è fisso il ricordo di lui, davanti al grande tavolo di marmo, che taglia, impasta, cucina…


Quando qualche mese fa è nata l'idea di creare un magazine di cucina ho pensato di proporre una rubrica sulla pasta: è il mio grande amore e, forse, anche quello del mio papà.
E come prima ricetta non potevo non pubblicare quei fusilli... quel formato di cui andava tanto orgoglioso... non potevo non parlare di quella Terra di cui va tanto orgoglioso...
Grazie ad Open Kitchen Magazine che mi ha dato la possibilità di poter parlare della mia Calabria!
(in fondo al post, per chi non lo avesse ancora sfogliato, il numero zero di Open Kitchen Magazine)


Ingredienti per 4 persone: 
Per i fusilli:
Il condimento tipico per questo formato di pasta è il sugo di capra, o comunque un sugo di carne molto saporito, ma io l'ho abbinato a degli ingredienti estivi, ancora per poco... :)

Per il condimento: 
  • 250g di zucchine al netto dello scarto 
  • 300g di melanzane al netto dello scarto 
  • 250g di fiordilatte 
  • 50g di cipolla rossa di Tropea 
  • 4 peperoni rossi o gialli 
  • 60g di olio evo 
  • 4 foglioline di basilico 
Tempo di preparazione
2h

Preparazione
Versate la semola in una ciotola e aggiungete gradualmente l’acqua bollente; impastate con le mani fino a formare una palla liscia e dura.
Posizionatela sulla spianatoia e copritela con la pellicola; cominciate a formare i fusilli ottenendo, da piccoli pezzi di impasto, dei cilindri lunghi e sottili come una matita. Tagliate questi ultimi in segmenti di circa 5 cm e fateli asciugare per 5 minuti. Posizionate il ferro quadrato sopra ogni segmento e premetelo delicatamente per arrotolarci l’impasto intorno. Sfilate e posizionate i fusilli su un vassoio leggermente spolverato di semola.
Pulite la cipolla e tritatela finemente; lavate e tagliate a cubetti le melanzane; lavate e grattugiate le zucchine. Fate imbiondire la cipolla nell’olio evo, aggiungete le melanzane e fate cuocere per 10 minuti. Unite le zucchine, salate e continuate a cuocere per altri 10 minuti.
Nel frattempo cuocete a 250° in forno statico con grill i peperoni, privati dei semi, e le calotte per 10 minuti. Tagliate la mozzarella in quadratini e lasciatela scolare per circa 10 minuti.
Cuocete i fusilli in abbondante acqua salata (con un filo di olio evo) per circa 10 minuti, scolateli e fateli saltare in padella con le verdure per un paio di minuti.
Aggiungete la mozzarella a fuoco spento, mescolate per 30 secondi e riempite i peperoni con i fusilli. Decorate con una fogliolina di basilico e servite... Buon Appetito!!


13 commenti:

  1. Buonissimi anche così...brava!!! Ciao.

    RispondiElimina
  2. spettacolare questo piatto!!!!!!

    RispondiElimina
  3. Eeeeeh, i maccheroni al ferretto! Sono sempre felicissima di vedere i prodotti calabresi tra i blog, ma con i maccheroni al ferretto hai toccato un punto che quasi mi emoziona! :))

    RispondiElimina
  4. Amo la pasta fatta in casa, anche per me è legata ai ricordi di quando ero bambina e quanti fusilli con il ferretto ho fatto, non per niente il mio blog prende il nome di questa pasta a me tanto cara.

    RispondiElimina
  5. Una "favola" nel piatto :)

    bacio e buon week end

    RispondiElimina
  6. Questi papà ci fanno sempre impazzire. Mio papà mi sapeva cucinare degli spaghetti specialissimi e semplici da morire: pomodoro, aglio e pan grattato abbrustolito. Un gusto unico, il suo!
    Fusilli buonissimi!!!!
    ciao,
    Valentina

    RispondiElimina
  7. buona la pasta fatta in casa, brava! passa un sereno we, a presto!

    RispondiElimina
  8. Non conoscevo il nome di questa pasta! ma io adoro qualsiasi tipo di pasta fatta in casa! deliziosa e bella la preparazione!

    RispondiElimina
  9. mio suocero è calabrese e tutte l'estate andiamo giù,avrei sempre voluto imparare a usare questo ferretto, ma prima o poi mi ci metto,sempre che qualcuno mi impari...
    baci

    RispondiElimina
  10. ua...che bel peperone d pasta!!! :D Ely,io adoro la pasta non mi puoi far questo...non so farli però quei cosi!!!verrò a prenderli già fatti da te! hehehehe

    RispondiElimina
  11. Ely, non potevo non commentare! Bravissima ! E' bello leggere nel tuo post l'orgoglio della calabresitudine...:) I sapori, i colori e gli odori della propria terra ce li portiamo sempre dentro... anche se prendiamo l'accento romano...:)

    RispondiElimina
  12. anche le sessioni di pasta della domenica mattina di mia madre mi hanno 'contagiato', invece il mio papà in cucina non ci sapeva proprio fare! :)
    ottimi i peperoni, vado a dare uno sguardo a OK!

    RispondiElimina
  13. @Max: grazie mille!!

    @Federica, Letiziando: :DDDDD

    @Tery: lo immagino, anche per me è lo stesso :))

    @Natalia: dai, non lo sapevo...

    @Valentina: è vero :))).. il mio ormai non cucina più :( ma io li ricordo benissimo!

    @Chiara: grazie.. anche tu!!

    @Vickyart: vengono chiamati, a seconda della zona, anche fileja o maccheroni... grazie mille!

    @Sognando dolcezze: non è difficile come può sembrare... io ho fatto tutto da sola. Basta un po' di pazienza. :)

    @Fujiko: ma perchè ho l'accento romano?? ahahahah Mannaggia :))) Eh sì la calabresitudine è dentro di noi...

    @Gio: mia madre faceva tutto il resto... il mio papà solo poche ricette ma della tradizione. Spero che il magazine ti piaccia.
    A presto

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

SLIDE1