sabato 27 ottobre 2012

Il pane dolce del Sabato alla marmellata di fichi e cannella e fichi e peperoncino... MTC!

Non sono brava a scrivere e lo sono ancora meno a dimostrare le mie emozioni... la maggior parte delle volte ho paura di venire fraintesa e mi astengo da qualsiasi tipo di esternazione.
Questo nella vita di tutti i giorni con le persone che amo e con i vari foodblogger che stimo e ai quali non riesco quasi mai ad esprimere la mia ammirazione.
Con Eleonora però è andata diversamente: leggevo da tempo il suo blog, restando sempre in silenzio, fino a quando questo post ha fatto scattare qualcosa dentro di me. Ed ho cominciato a scriverle.
Poi l'ho conosciuta qui. Non tantissime le parole intercorse tra noi, ma di quelle che restano, almeno per me, nel cuore. 
Quando ho letto che la vincitrice dell'MTC del mese scorso era lei, sono stata veramente contenta e non avevo dubbi che la sua sarebbe stata una ricetta speciale: il pane dolce dello Shabbath ovvero il pane dolce del Sabato.
Storia millenaria e contemporanea che si fondono in una preparazione kosher, rituale, che milioni di ebrei ogni venerdì realizzano nelle proprie cucine e che delizia le merende e le colazioni dello Shabbath.
Il pane ripieno del sabato (o dello Shabbath) non deve però confondersi, come ci spiega Eleonora, con la Challah "poichè quest'ultimo viene benedetto il venerdì sera e non ammette nessun ingrediente addizionale all'impasto di base".
Insomma, ancora una volta con l'MTC, e con Eleonora nello specifico, si viaggia attraverso le storie di Paesi vicini e lontani, attraverso sentimenti mai dimenticati come l'amore, la tolleranza e, purtroppo, anche l'odio che ha colpito e continua a colpire il popolo ebraico.


Per il mio pane dolce del sabato ho scelto come ripieno (l'impasto è quello di Ele) due marmellate fatte con i fichi di mia suocera e aromatizzate, una con la cannella che mi ha regalato proprio Ele e l'altra con il peperoncino (in scaglie e freschi, come si può vedere nel pezzettino in basso a destra della treccia nella foto :)). Un modo per unire vari paesi e culture: Calabria, Campania, Marocco e il mondo ebraico.
Per la ricetta della marmellata dovrete aspettare lunedì ;)... potete cmq usare la marmellata di fichi in commercio e aromatizzarla :D.


Permettetemi di dedicare questa ricetta alla mia Calabria, ai calabresi, ai miei genitori che giovedì notte si sono svegliati per una forte scossa di terremoto e che cercano di non andare a dormire con la paura che la terra tremi di nuovo.  Vi voglio bene.

Ingredienti per due trecce di pane dolce dello Shabbath:
  • 500g di farina 0
  • 100g di zucchero
  • 10g di sale
  • 125ml di acqua tiepida nella quale avremo sciolto un cucchiaino di zucchero
  • 20g di lievito di birra fresco
  • 125ml di olio evo
  • 2 uova medie
  • marmellata di fichi alla cannella
  • marmellata di fichi al peperoncino
  • un tuorlo d'uovo 
  • un cucchiaio d'acqua
  • semi di sesamo 
Tempo di preparazione
30min (impasto) + 3h (1a lievitazione) + 30min (formatura) + 2h (2a lievitazione) + 30min (cottura) = 6h e 1/2 circa

Preparazione
Prepariamo l'impasto. Sciogliamo il lievito di birra nell'acqua e zucchero (tiepidi) e facciamolo riposare almeno per 10 minuti. Nel frattempo setacciamo la farina e amalgamiamola con lo zucchero e il sale. Uniamo il lievito e cominciamo ad impastare; aggiungiamo l'olio evo e poi un uovo per volta fino a che non si sono incorporati completamente all'impasto. Continuiamo ad impastare fino a quando l'impasto non si staccherà completamente dalla ciotola. Copriamo e facciamo lievitare per almeno due ore (io tre).

Prepariamo le trecce. Sgonfiamo l'impasto lievitato e dividiamolo in due parti. Otteniamo da ognuna di esse tre pezzi di misura uguale e stendiamoli in strisce della grandezza di circa 35cmx15cm. Riempiamo le prime tre di marmellata di fichi alla cannella; chiudiamo ogni striscia fino a formare un lungo salsicciotto e intrecciamole partendo dall'unione dei tre capi. Uniamo le tre strisce anche alla fine.
Facciamo lo stesso con le altre tre strisce, cambiando però il ripieno: questa volta marmellata di fichi al peperoncino ;).
Sistemiamo le due trecce su una placca unta d'olio e facciamo lievitare per altre due ore (io ho coperto con della pellicola per non far asciugare troppo l'impasto).

Cottura e pappa ;). Accendiamo il forno statico a 200°. Spennelliamo le due trecce con l'uovo, precedentemente sbattuto con un cucchiaio d'acqua, cospargiamo con i semini di sesamo e inforniamo a temperatura raggiunta. Cuociamo per circa 15 minuti o cmq fino a quando non è ben dorata in superficie.

E Buon Appetito!

E con questa ricetta partecipo all'MTC di ottobre



Attention pleaseee!!!
  • Nel mio forno 15 minuti sono stati più che sufficienti: come si può vedere era moooltooo cotto :).
  • Io l'ho preparato mercoledì, mangiato durante questi giorni (conservandolo nel forno) ed è ancora morbidissimo... forse ha contribuito anche il tipo di ripieno ma l'impasto è veramente spettacolare :D.
  • Se scegliete la marmellata come ripieno sigillate molto bene i salsicciotti altrimenti ve la troverete sparsa di qua e di là per la teglia ;).

9 commenti:

  1. magnifica questa treccia, l'assaggerei molto volentieri, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Silvia... te la rifaccio se vuoi? :)
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Partiamo dalle cose tecniche, che poi finisce che mi faccio prendere dall'emozione e me le dimentico: riprova a mandare una mail a mtchallenge@gmail.com e vediamo se in questo modo il pc "prende" il tuo indirizzo. altrimenti, allerto i piccioni :-)

    torno seria, per associarmi alla dedica alla tua terra, che non manca mai nelle tue ricette. Stavolta si intreccia in questi due pani con un ripieno che spazia dal conforto del gusto classico (fichi e cannella) a quello intrigantissimo dei fichi col peperoncino: tutt'intorno, due gran belle trecce, ben fatte, ben cotte, ben lievitate. Bravissima, come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok.. mail mandata! Ma nel frattempo preparo il piccione.. ahahaha

      Grazie Ale... è vero la mia terra non manca mai: è un legame fortissimo che difficilmente riesco a tenere fuori, soprattutto dall'Mtc :D

      Un bacione

      Elimina
  3. ahaha! quando ho letto fichi e peperoncino...ho pensato subito: ecola lì, la treccia calebrese inside! :-)
    Mi piace come hai "intrecciato" culture e sapori e il risultato ottenuto è di gran qualità!
    bravissssisssima!
    p.S. lo sai che tvb?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah... eh sì proprio calabrese inside!!

      Grazie tesoro...

      lo so, lo so :D

      Elimina
  4. Buonoooooo!!!! Buonissimoooo!!!!! Io peperoncino e cannella li adoro e li uso anche insieme. Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai provati insieme... bella dritta! La userò e mi è anche venuta un'idea...

      Un abraccio

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

SLIDE1