sabato 26 aprile 2014

Pan di patate con crema di ceci alla menta, asparagi selvatici e ventricelli di pollo


Si continua con il quinto quarto... e questa volta passiamo al pollo!
La ricetta "in purezza" è della mia mamma.
E come al solito la mia cucina si colora con i sapori della mia infanzia. Con un piatto povero sì, ma che non arrivava quasi mai a tavola perchè ne prendevamo un pezzetto alla volta dalla padella mentre aspettavamo di mangiare.
I sapori si fondono con una salsa ai ceci stile hummus ma un po' "de noantri" e gli asparagi raccolti nel bosco con delle scarpe due numeri più grandi e tre scivoloni sull'erba bagnata... ma felice io!!
Erano anni che non andavo "ad asparagi" e mi sono divertita un sacco :D.

Per 10 pan di patate (liberamente ispirata alla ricetta presente nel volume Il pane fatto in casa - speciale di Alice):
  • 500g di farina 00
  • 7g di lievito di birra disidratato (la dose per i miei gusti è un po' eccessiva ma avevo fretta ;))
  • 1 patata media (circa 150g cruda)
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 2 cucchiaini di sale
  • 120g di acqua tiepida
Per il "ripieno":
  • 350g di ventricelli di pollo
  • 150g di ceci cotti e scolati
  • 40g di acqua (la quantità di acqua dipende dai ceci - se necessario aggiungere per ottenere la giusta consistenza della crema)
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 4-5 foglioline di menta
  • 3 spicchi di aglio
  • origano (2 rametti)
  • circa 20 asparagi selvatici
  • sale q.b.
  • olio evo
Tempo di preparazione
3h ca.

Procedimento
Prepariamo i panini. Lessiamo la patata e incorporiamola, dopo averla schiacciata, alla farina, l'acqua (nella quale avremo sciolto lo zucchero), il lievito, l'olio e il sale. Lavoriamo l'impasto fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea. Copriamo con pellicola e facciamo lievitare per un'ora.
Dividiamo limpasto lievitato in 10 piccoli panini, serriamoli leggermente e creiamo sulla loro superficie una "grata". Sistemiamoli sulla placca ricoperta di cartaforno, copriamoli con la pellicola e facciamoli lievitare per un'altra ora.

Cuociamo i panini e prepariamo il ripieno. Spennelliamo la superficie con un po' d'acqua e cuociamo i panini in forno statico a 200° per circa 25 minuti. Mentre i panini cuociono prepariamo la crema di ceci: frulliamo i ceci con 1 spicchio d'aglio (privato dell'anima), il limone, l'acqua e le foglioline di menta. Saliamo e mettiamo da parte.
Tagliamo gli asparagi in pezzettini di circa 2 cm (io li spezzo con le mani, come mi ha insegnato mamma, e mi fermo quando il gambo diventa troppo duro) e mettiamoli in una padella con un paio di cucchiai di olio evo e tanta acqua quanta ne serve per coprirli. Facciamoli cuocere per circa 15-20 minuti. Saliamo e mettiamo da parte. Quando mancano circa 10 minuti alla fine della cottura dei panini prepariamo i ventricelli: tagliamoli in 4 parti e mettiamoli in una padella (non troppo larga, max 20cm di diametro) con l'olio evo (20g), i 2 spicchi d'aglio e l'origano. Facciamoli cuocere a fuoco vivace per circa 10 minuti, saliamo e mettiamo da parte.

Prepariamo i paninetti. Tagliamo a metà i panini senza arrivare alla fine, creando quindi una specie di tasca e riempiamoli con la crema di ceci, i ventricelli (senza aglio e origano) e gli asparagi e...

Buon Appetito!!

Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge di Aprile

Attention pleaseee! 
  • Il procedimento per la ricetta originale è lo stesso solo che i ventricelli dovranno essere tagliati solo a metà (e non in 4 parti).  Io li ho tagliati in pezzi più piccolini perchè li dovevo mettere nei panini ;)

8 commenti:

  1. Prima vai di raviolo e ora mi proponi un piatto completamente agli antipodi in cui però torna la stagionalità e la semplicità. Vasi "a caccia" di asparagi e torni carica di un bel bottino che infili nel panino. Fai tutto tu: il pane, gli asparagi...ci mancava che allevassi i polli e li macellassi! Il panino nasconde sempre un suo perché, è tra quelle preparazioni capaci di regalarti grandi soddisfazioni e poi mi piace l'abbinamento con le frattaglie: è destabilizzante, uno non se le aspetta e forse, proprio per questo, se le gusta con maggior piacere! Condisci il tutto con un tuo hummus modificato ad hoc con la sola menta a dar carattere...trovo che il tutto funzioni alla perfezione! grazie mille cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci credi se ti dico che normalmente i ventricelli non li compro ma me li da' la suocera che alleva polli, tacchini ecc. ecc.? Questa volta però me ne servivano troppi ;)
      Grazie a te e alla prossima ;)

      Elimina
  2. Ultimamente vado di matto per i panini. E non sono incinta, sa? Però a vederli così ben fatti...e così ripieni...ecco...mi viene una gran voglia di...
    mangiarmeli tutti!!
    Sono bellissimi, complimenti!!

    RispondiElimina
  3. a dir poco una proposta fantastica uno stree food di altri tempi buonissimo

    RispondiElimina
  4. Tutto fatto da te, tutto equilibrato, saporito e scelto con grande cura... Dopo i ravioli, un primo ricco, ecco i panini, gustosissimi, da divorare senza tante cerimonie... Eli, un'eccellente ispirazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Daniela... questa volta ho fatto antipasto, primo e secondo :) tutto quintoquartoso!!
      Un MTC per "crescere", come sempre... ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

SLIDE1